Dealer

ANALISI DI MERCATO BITCOIN E CRIPTO PER LA SETTIMANA PASSATA

Mentre i mercati azionari statunitensi sono scesi la scorsa settimana a causa dei cali di Big Tech, il mercato europeo è andato a rilento e l’indice FTSE All-Share Index è salito moderatamente. Il Bitcoin e un certo numero di alts sono rimasti relativamente stabili, nonostante alcuni momentanei blips come il bitcoin è sceso molto brevemente sotto il livello dei 10.000 dollari sia lunedì che martedì.

Simon Peters, analista, eToro

Le metriche a catena smentiscono i cali sotto i 10.000 dollari

Nonostante i cali che abbiamo visto durante la scorsa settimana, non siamo riusciti a vedere una chiusura sotto i 10.000 dollari e anche se il sentimento nella comunità non è chiaramente troppo rialzista, direi che rimane relativamente neutrale. Non è sempre la storia più interessante (e non è certo la linea più pungente su cui agganciare una newsletter), ma mostra un certo livello di maturità nel settore.

Come abbiamo discusso nella precedente newsletter, Jerome Powell e la Federal Reserve hanno ora modificato il loro obiettivo di inflazione ad una media del 2% nel tempo, piuttosto che puntare a mantenere il 2%. Con la banca centrale che non è più obbligata a tagliare i tassi se vediamo un aumento al di sopra di tale livello, gli investitori guarderanno alle tradizionali coperture inflazionistiche come l’oro. CoinDesk ha riferito la scorsa settimana che la correlazione tra oro e bitcoin non è mai stata così grande. Gli investitori dovrebbero anche guardare al bitcoin come a un bene che può servire allo stesso scopo.

I dati sull’inflazione negli Stati Uniti venerdì sono stati superiori alle previsioni – sia su base mensile che su base annua. Questo potrebbe motivare maggiormente gli investitori, soprattutto quelli istituzionali, ad aggiungere l'“oro digitale“ ai loro portafogli o alle riserve di bilancio?

Nonostante il discusso calo inferiore ai 10.000 dollari, le metriche a catena del bitcoin continuano ad essere rialziste: il tasso di hashish rimane ai massimi storici; i dati di Glassnode mostrano che la percentuale di bitcoin che non si è mossa in tre anni è al massimo del 30,9% in due anni; e i dati di Bytetree sul Miners Rolling Inventory, che misura l’inventario detenuto dai minatori, mostrano che questi ultimi stanno accumulando bitcoin. Tutte queste metriche indicano un aumento della mentalità dell’accaparramento.

A mio parere, qualsiasi mossa inferiore ai 10.000 dollari suggerisce una grave sottovalutazione del bitcoin. Qualsiasi calo consistente al di sotto di tale livello potrebbe spingere i tori a ricaricare le loro proprietà.

David Derhy, analista, eToro

Gli investitori guardano alla grande settimana di TRON

Dopo le impressionanti corse durante l’estate, molti altcoin hanno trascorso alcune settimane a ripercorrere un po‘ il percorso, mentre gli investitori ne traevano profitto. La scorsa settimana questo modello è sembrato invertire la tendenza, e stiamo iniziando a vedere segni di un movimento verso l’alto

Un crypto-asset che aggiungerò alla mia lista di orologi questa settimana è Tron. Gli investitori che hanno messo sotto chiave il loro TRX per partecipare all’estrazione mineraria della genesi dei gettoni SUN potranno ritirarlo il 16 settembre insieme ai loro gettoni SUN. SUN token è un token di governance dedicato allo sviluppo dell’ecosistema DeFi (Finanza Decentrata) di Tron. Più grande è la quantità di TRX, e più a lungo questi vengono assegnati alla genesi mineraria dei token SUN, più l’utente riceverà e a sua volta avrà un più alto grado di ‚voce in capitolo‘ per il futuro di DeFi su Tron.

La data di rilascio di mercoledì potrebbe innescare ulteriori aumenti di prezzo da TRX, con quelli che non hanno ancora partecipato al SUN token genesis mining che si affrettano ad aderire per paura di perdere l’emissione

DeFi continua ad essere l’argomento sulla bocca di tutti, e la scorsa settimana ho evidenziato alcune potenziali somiglianze tra DeFi e la bolla ICO del 2017, ma penso che sia anche importante portare alla vostra attenzione alcune delle differenze che esistono tra le due. In primo luogo, la DeFi come tendenza è monumentalmente più complessa da sfruttare rispetto a un ICO. Mentre gli investitori ICO avevano semplicemente bisogno di un po‘ di Ethereum, DeFi richiede probabilmente una sostanziale conoscenza tecnica prima che gli investitori possano essere coinvolti in alcuni dei gettoni che esistono in quello spazio. Questo naturalmente significa che gli investitori al dettaglio non sono così interessati a DeFi ora come lo erano negli ICO nel 2017. CoinDesk ha recentemente analizzato i dati di Google Trends sui due termini di ricerca, che hanno mostrato che, nonostante le chiacchiere della comunità, il termine DeFi è una via di uscita dai livelli di interesse che il termine ICO era nell’agosto del 2017.

Nonostante i timori di una bolla DeFi, forse c’è ancora molto spazio per crescere?

Disclaimer: Questa è una comunicazione di marketing e non dovrebbe essere presa come un consiglio di investimento, una raccomandazione personale, o un’offerta o una sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Questo materiale è stato preparato senza tenere conto di particolari obiettivi di investimento o situazione finanziaria e non è stato preparato in conformità con i requisiti legali e normativi per promuovere la ricerca indipendente. Qualsiasi riferimento ai risultati passati di uno strumento finanziario, di un indice o di un prodotto di investimento preassortito non sono, e non devono essere considerati come un indicatore affidabile dei risultati futuri.

Tutti i contenuti di questo rapporto hanno solo scopo informativo e non costituiscono una consulenza finanziaria. eToro non fornisce alcuna rappresentazione e non si assume alcuna responsabilità.

Für dich vielleicht ebenfalls interessant...